You are here: Home Stages di pesca

Stages di pesca

E-mail Stampa PDF

 

Hai una barca e intendi imparare nuove tecniche di pesca e confrontarti con altri pescatori? Non ce l'hai e vuoi effettuare una uscita di pesca in barca?

Guide pazienti e competenti ti accompagneranno nell’universo della pesca dalla barca nelle splendide acque antistanti la città di Savona nella  Liguria di ponente. Cercando di coinvolgerti con la loro passione e conoscenza del mare.

Passare qualche ora con amici che condividono la tua passione diventerà un’esperienza coinvolgente sia per il principiante che imparerà le nuove tecniche di pesca sia per l’esperto che potrà mettere in pratica le proprie conoscenze scambiando consigli con una guida competente.

Viviamo la Pesca sportiva e ricreativa rispettando lo splendido ambiente che ci circonda. Impariamo a conoscere e rispettare il mare per conservarlo e poterlo vivere anche in futuro.
Come?  Prima di tutto rispettando le regole (misure minime, quantità di pescato, ecc.) e poi praticando il “cath & release” quando possibile, evitando inutili mattanze.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La nostra Associazione organizza ogni weekend stages di pesca pratica con partenza dal porto di Savona per 2-6 partecipanti.

Durante l'uscita si praticheranno le tecniche di pesca più redditizie del periodo. Naturalmente forniremo l'attrezzatura, le armature, le esche e le pasture, oltre alla nostra esperienza per illustrare le varie tecniche e le poste dove praticare la pesca. Durante l'uscita verranno descritti i vari pesci che è possibile prendere nei nostri mari e naturalmente si cercherà (nel limite del possibile, essendo la pesca sempre influenzata da mille variabili) di fare catturare ai nostri soci un quantitativo di pesce, nel rispetto delle regole vigenti, che possa regalare soddisfazione e appagmento.

Le tecniche che noi pratichiamo sono le seguenti:

Bolentino costiero si pratica praticamente tutto l'anno

Bolentino di profondità, i periodi migliori sono da marzo ad ottobre

Vertical Jigging - Kabura si pratica tutto l'anno

Light drifting da giugno a novembre regala tantissime soddisfazioni

Traina costiera il periodo migliore è l'autunno quando i grossi branchi di bonnitti e lampughe si avvicinano alla costa

Palamito si pratica tutto l'anno in inverno a caccia di orate e pagelli in primavera estate in profondità

Filaccioni ottima tecnica in primavera estate

Pesca al totano nelle calde e calme notti senza luna di luglio agosto

ecco alcune semplici regole da seguire per le uscite in barca


  1. In barca ogni movimento ed ogni azione deve sempre tenere conto che ci si trova su un mezzo galleggiante, sono quindi da evitare movimenti bruschi, salti, e tutte le azioni che possono mettere in pericolo se stessi e gli altri. Quando si cammina sui bordi o si sta in piedi in zone senza protezione aggrapparsi sempre bene e prestare la massima attenzione.

  2. L’abbigliamento ideale per le uscite deve sempre tener presente che al mattino e alla sera, comunque in mare fa abbastanza fresco ed è piuttosto umido, quindi sono consigliate cerate o K-way. Inoltre quando sale il sole è molto importante una protezione per la testa (cappello con visiera) e gli occhi, oltre che magari una buona crema protettiva anti scottature.

  3. Sono consigliate scarpe comode o sandali d’estate, sono praticamente inutili gli stivali in gomma, che oltre ad essere molto scomodi da indossare per tutta la giornata potrebbero essere molto pericolosi in caso di accidentale caduta in acqua. In inverno un buon paio di scarpe da ginnastica o pedule leggere in goretex con calzettoni ci prottegeranno da umidità e freddo.

  4. Se non si è sicuri di non avere problemi col moto ondoso è buona norma premunirsi con qualche prodotto (sono in vendita in farmacia cerotti e pastiglie senza controindicazioni e molto efficaci) contro il mal di mare, in quanto ci si potrebbe rovinare la giornata, a se stessi ed ai propri compagni di avventura, ricordatevi che questi farmaci per fare effetto devono essere assunti diverse ore prima, se presi subito prima di imbarcarsi sono praticamente inutili. Inoltre prima di imbarcarsi è consigliabile non assumere alimenti molto liquidi quali cappuccini, latte o altro, ma piuttosto una bella colazione con focaccia e una bibita, in quanto il mal di mare si patisce molto di più a stomaco vuoto.

  5. Portarsi sempre molto da bere, preferibilmente non alcolici, al massimo del vino bianco da abbinare sempre moderatamente con alimenti secchi. Anche il caffè è sconsigliato, in quanto può portare al mal di mare. Come cibo vanno benissimo panini, focacce, frutta e dolci, evitare cibi che si possono deteriorare facilmente con il caldo.


Vediamo ora alcune regole per le uscite di pesca:


  1. Attrezzatura: l’attrezzatura per le uscite di pesca è presente in barca, in quanto siamo perfettamente attrezzati per i tipi di pesca che si possono praticare nel nostro mare. Questa attrezzatura verrà messa a disposizione dei nostri ospiti, i quali dovranno usarla con cura e perizia, specialmente canne e mulinelli, prestando la massima attenzione a non rovinarla, e/o farla cadere in acqua, tenendo conto che si utilizzano attrezzi di ottima qualità e costo piuttosto elevato, in caso di rottura o caduta in acqua di canna e/o mulinello dovuta a disattenzione o cattivo uso da parte di un pescatore, è buona norma che la perdita venga risarcita da chi ha provocato il danno. Naturalmente chi possiede attrezzature adeguate può naturalmente usare la propria senza nessun problema.

  2. Finali e minuteria. Naturalmente forniamo anche tutti i terminali per la pesca, artificiali, e tutta la minuteria necessaria per la buona riuscita dell’uscita di pesca. Anche in questo caso chi volesse può utilizzare le sue.

  3. Esche e pastura. Per le nostre uscite pensiamo noi a procurarci tutte le esche fresche e le pasture necessarie, questo sia per motivi di praticità che di esperienza sul campo. Il costo delle esche e delle pasture sarà naturalmente suddiviso tra i partecipanti delle battuta di pesca (il costo non è mai molto elevato, in quanto comprando esche fresche al mercato all’ingrosso abbiamo ottimi prezzi, e cerchiamo sempre di non sprecare ed eccedere negli acquisti)

  4. Il pescato: Il pesce catturato durante la battuta di pesca verrà suddiviso tra i pescatori e la barca, in caso di preda unica di una specie pregiata (occhione, cernia, dentice, ricciola, tonno, lampuga, pesce spada) verrà data precedenza alla barca, ai pescatori andranno le prede successive. Per tutte le altre varietà di pesce la precedenza verrà data ai pescatori.

  5. Verranno sempre rispettate le disposizioni di legge in materia di limite massimo di catture e taglia minima dei pesci, in caso i pesci verranno rilasciati in buone condizioni.


Ecco le varie tipologie di uscite con i relativi orari (naturalmente gli orari saranno sempre concordati con i pescatori).

-) Uscita giornaliera:

L’uscita giornaliera inizia al mattino presto dalle 6,00 – 7,30 (a secondo della stagione) e termina intorno alle 15,00 – 16,30 del pomeriggio. Questo genere di uscita è indicata per la pesca al bolentino di profondità, in quanto sarà possibile raggiungere le poste, distanti anche un’ora di navigazione, ancorarsi correttamente e pescare per parecchie ore. Durante la stagione propizia si pescherà oltre che a bolentino di profondità anche a light drifting alla ricerca di cavalle, lampughe, palamite e predatori in genere. Questa è sicuramente il tipo di pesca che può regalare le maggiori emozioni e soprattutto si potranno prendere pesci enormi e molto combattivi.

 

-) Uscita a traina:

Nella stagione propizia una pesca molto divertente e redditizia da praticare è la pesca a traina, le uscite a traina si possono dividere in due categorie:

  • Traina costiera, si esce verso le 6,30-7,00 e si rientra intorno alle 13,00 con questa tecnica si catturano bonitti, lampughe, palamite e tutti i pesci pelagici che si avvicinano alla costa da fine estate ad autunno inoltrato.

  • Traina d'altura si esce verso le 6.00 del mattino e si rientra nel pomeriggio, con questa tecnica si possono catturare i grandi pelagici, tonno, lampughe e pesci spada, naturalmente seguendo le disposizioni di legge: Naturalmente queste tecnica è piuttosto dispendiosa, vuoi per le attrezzature impiegate, vuoi per l'elevato consumo di carburante, infatti si navigherà spesso per più di 50 miglia.

Si possono poi fare anche uscite particolari con diverse tecniche di pesca (che noi avremo cura di consigliare a secondo della stagione):


-) Traina col vivo:

Questa pesca è molto divertente e redditizia, oltre che molto tecnica, infatti si utilizzano attrezzature non comuni per avere ragione di di ricciole, dentici e pesci serra, dipende molto dalla disponibilità dell’esca viva, che dovrà essere catturata prima della battuta o talvolta il giorno prima da parte nostra. Per questo genere di battute si uscirà al mattino molto presto, intorno all’alba e si rientrerà all’incirca dopo 4-5 ore. Si ricorda che con questa tecnica si catturano pesci molto pregiati, e che la prima preda, o la preda più grossa verrà trattenuta dalla barca. I


-) Pesca notturna del Totano:

Questa pesca si può fare d’estate negli orari notturni, si esce verso le 21,00 e si rientra intorno alle 1,00 2,00. E’ una pesca molto divertente che permette di catturare ottimi e divertenti totani.


-) Pesca col palamito:

Questa tecnica di pesca è molto vicino alla pesca professionale, verranno utilizzati palamiti con al max 200 ami con i quali si potranno catturare molti pesci, spesso di taglia considerevole. E' una tecnica che prevede una cala e un recupero del palamito dopo almeno due ore, quindi sono necessarie almeno 5-6 ore di pesca, nell’intervallo si può pescare a bolentino o a traina a secondo delle stagioni. Quando si utilizzano i palamiti il pescato viene diviso tra barca e pescatori in parti uguali, in caso di una preda unica di pregio verrà lasciata alla barca.

Ti ricordiamo che è obbligatorio disporre del permesso di pesca per la pesca in mare.
Per ottenerlo gratuitamente effettua la registrazione presso il sito del Ministero delle Politiche Agricole

Newlay...
 

Quando Vuoi venire a Pescare?

Quando Vuoi Pescare?