You are here: Home Pesci Pesci Pelagici Aguglia Imperiale

Aguglia Imperiale

E-mail Stampa PDF

 

È un pesce endemico del mar Mediterraneo dove è maggiormente presente nella regione centrale. Questo areale è singolare dato che in genere i pesci endemici del Mediterraneo sono piccole specie costiere e bentoniche e non grandi animali pelagici. È da sempre ben conosciuto nella regione dello stretto di Messina mentre era molto meno comune negli altri mari italiani. Da qualche anno ha ampliato verso nord il suo areale probabilmente in seguito al fenomeno della meridionalizzazione del Mediterraneo. È una specie migratoria e compare negli stessi luoghi sempre nello stesso periodo.

Il suo modo di vita è tipicamente pelagico, vive al largo in acque aperte senza nessun rapporto con il fondo e si trova solo occasionalmente vicino alla costa.

Nonostante il nome comune questo pesce non ha nulla in comune con l'aguglia, è infatti uno stretto parente dei marlin dei mari tropicali, anzi, appartiene allo stesso Genere del marlin bianco. L'aspetto complessivo è dunque molto simile a questi ultimi con rostro allungato sulla mascella superiore, corpo fusiforme nella parte anteriore ed appiattito sul peduncolo caudale, prima pinna dorsale lunga con porzione anteriore formante un lobo rilevato. È molto simile al marlin bianco, raro nel Mediterraneo ma ha il lobo della pinna dorsale appuntito anziché arrotondato, pinne pettorali molto più corte, rostro più corto. Si riconosce dal pesce spada a causa del rostro corto e della lunga prima pinna dorsale (che nel pesce spada è corta ed alta).

La livrea è grigio-blu scuro, talvolta quasi nero sul dorso e bianco sul ventre, con le due colorazioni separate da una linea netta.

Raggiunge, e supera, i 2 metri di lunghezza e i 50 kg di peso.

Si nutre di pesci e di cefalopodi pelagici. Le sue prede più frequenti sono costardelle, aguglie e clupeidi.

È primaverile e estiva. Uova e larve sono pelagici. I giovani hanno pinna dorsale unica e molto alta come il pesce vela.

 

È un animale solitario. Quasi tutti gli esemplari sono accompagnati da una o più remore della specie Remora osteochir.

Viene insidiato dai pescatori professionisti che lo catturano sia con le reti che con palamiti o fiocine, utilizzando gli stessi attrezzi utilizzati per il pesce spada. È comprensibilmente apprezzato anche dai pescatori sportivi. Si pesca soprattutto a traina. Le carni sono ottime, simili a quelle del pesce spada.