You are here: Home Pesci Pesci di profondita Mustella

Mustella

E-mail Stampa PDF

 

Diffusa nell'Oceano Atlantico orientale settentrionale, dal Golfo di Biscaglia al Marocco, fino a sud di Capo Verde, nel Mar Mediterraneo e nelle Azzorre, su fondali sia duri che sabbiosi da circa 20 a 650 metri di profondità.

Descrizione

Corpo di colore bruno scuro o grigio uniforme. La pinna dorsale è doppia, arrotondata, le pinne pelviche sono ridotte a filamenti bifidi. Pinna caudale arrotondata, pinna anale che parte da circa metà lunghezza fino a raggiungere il peduncolo caudale. Fino a 40-50 centimetri di lunghezza.

Comportamento

Specie notturna e sciafila, di giorno si rifugia tra le rocce. Poco socievole.

Alimentazione

Si nutre di piccoli pesci e di invertebrati.

La mustella è un pesce molto apprezzato per le sue carni molto delicate.

La sua pesca si effettua soprattutto con i palamiti, in special modo quelli calati alla sera e che pescano col buio, anche se talvolta è possibile catturarla anche durante il giorno, però a profondità abbastanza elevate. Anche se non è soggetto a pesca specifica, le mustelle si catturano nelle uscite dedicate ai gronghi di notte, oppure ai naselli a profondità elevate.

L'esca principale per la mustella è sicuramente la sardina a tranci, anche molto voluminosi, infatti questo pesce è dotato di una bocca molto grossa, in grado di ingoiare esche voluminose.

Una caratteristica della mustella è quella di arrivare a galla preceduta da una scia di bollicine, infatti questi pesci, al pari del nasello e di altri pesci di alto fondale, soffrono di embolia che gli fa gonfiare in maniera spropositata la vescica natatoria.